Battista Micheli

(c. 1568 - ante 1615)

Battista Micheli è inserito nell'ambito della liuteria bresciana per una registrazione del 1606 nella quale risulta aggregato alla bottega del padre, Pellegrino. Nella registrazione appare chiaramente la sua professione di cithararij cioè costruttore di cetere. Tale appellativo Battista lo condivide con il fratello Giovanni. I documenti relativi a Battista sono pochissimi, e solo quello citato parla della sua professione. Non si conoscono strumenti di sua mano, è verosimile che la sua attività lavorativa sia confluita nella bottega paterna. Nel 1609, dopo la morte del padre, Battista si sposa con Caterina di S. Gallo dalla quale avrà una figlia a cui fu dato lo stesso nome della madre, vivente nel 1615, quando Battista risulta già defunto.

1606 - Brescia
«Quadra IV di S. Giovanni
Magister Peregrinus quondam Zanetti de Michaellis citharedi
pro 3.° Joannes
pro 3.° Baptista eius filii cithararij apud S. Franciscum
solvis a Peregrinus per Franciscum eius filio pro parte in domo
Solverunt pro 2.° e 3.° in domo».

20 luglio 1609 - Brescia
Regesto: «Baptistam filius quondam ser Pelegrini de Michaelis» riceve da Antonio di S. Gallo, padre della moglie Caterina, la dote di lire planette 885, parte in denaro contante e parte in buoni mobili, altre 250 lire planette verranno pagate da Antonio entro il termine di un anno.

 
inizio pagina | home
Copyright © 2001- Ugo Ravasio
I diritti sono riservati.