Girolamo Virchi - cetera di Vienna


marchio


cetera di Parigi


 

Girolamo Virchi

(Brescia ? c. 1523 - post 1574)

Girolamo Virchi rappresenta un'altra faccia dell'antica scuola di liuteria bresciana. Egli è un costruttore di cetere, strumento di estrazione popolare sia per la diffusione sia per lo spirito musicale. Ma i Virchi, Girolamo e Benedetto per la costruzione e Paolo per l'aspetto musicale cercano di imprimere a questo strumento un'evoluzione verso l'alto, verso una intrinseca nobiliarità. Girolamo Virchi è stato indicato come il maestro di Gasparo Bertolotti da Salò, la documentazione e la logica si oppongono a questo evento, Girolamo è unicamente un costruttore di cetere mentre Gasparo è principalmente (o esclusivamente se si guardano i primi anni di attività) un costruttore di strumenti ad arco. Inoltre l'ubicazione cittadina è talmente distanziata da frapporre un ostacolo serio. Certamente però vi fu profonda amicizia tra i due e forse anche una collaborazione, quello che va escluso è l'immagine data dal Mucchi di un Gasparo giunto a Brescia privo di professionalità da acquisirsi presso il Virchi. Il Mucchi inoltre cerca di avvalorare un'antica amicizia salodiana tra i due citando un documento nel quale Girolamo possedeva una casa nei dintorni di Salò. La suggestiva immagine si disgrega totalmente se si verifica il documento, il preteso Girolamo Vigro in realtà è un Girolamo Ugero, appartenente alla conosciuta famiglia degli Uggeri. La documentazione sui Virchi ci permette di tracciare un percorso tutto sommato breve della vita di Girolamo, possediamo informazioni tra il 1559 e il 1571. La cetera di Vienna è datata 1574, l'ultima traccia di Girolamo. Se precedentemente alla prima data è facile immaginare Girolamo in seno alla famiglia, occupato a formarsi come liutaio ed anche ad aiutare il padre zoccolaio ed i fratelli zoccolai e intarsiatori, dopo il 1574 ogni traccia scompare. Anche nel documento di matrimonio del figlio Paolo (1578) non si possono trovare indizi sull'esistenza in vita di Girolamo. Delle numerose cetere prodotte da Girolamo e dai suoi collaboratori (citati nella polizza d'estimo del 1568) ne rimangono solo poche di rara bellezza.

1568 - Brescia
«Prima Alexandri
Poliza de mi Hieronimo di Virchi quondam Bernardino, citeraro
Mi Hieronimo anni 45
Magdalena consorte 39
Paulo 17
Angelica nubile
Piero 14
Aurelia 12
Camilla 6
Fior 2
maestro Zovà, maestro de intalii, de salario di L. 200
maestro Battista, similmente maestro, de salario di L. 90 quali stanno in casa mia a mie spese.

Debiti
Pago de livello a Malgaritta di Garlini L. 16 y 13 L. 333
A Maria di [Garlini] L. 40

Beni
In nel causia de l'arte mia L. 90
Una casa nel borgo di Santo Alexandro con doi botteghe per mio uso, quale botteghe se fittariano L. 12 L. 240».

 
inizio pagina | home
Copyright © 2001- Ugo Ravasio
I diritti sono riservati.